Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  29 giugno 2020
di Nessuno
Nessuno

James Hetfield, guarda la sua collezione di automobili

L'anno scorso il frontman dei Metallica ha donato il suo parco macchine ad un museo e si può ora visitare con un video tour

Nel 2019, il frontman dei Metallica James Hetfield ha donato la sua collezione di auto al Petersen Automotive Museum di Los Angeles. Il frontman è sempre stato appassionato di macchine ed ha  recentemente condiviso un video in cui fa da guida in una delle più belle collezioni di auto personalizzate in circolazione. Hetfield ha raccontato di vedere le macchine nello stesso modo in cui vede la musica: come forme di libertà ed espressione che trasmettono le passioni del loro creatore.


The Speed of Sound

Oltre alla sua attività nei Metallica Hetfield ha anche ottenuto un riconoscimento nel mondo automobilistico per la sua collezione di veicoli unica, interamente personalizzata. Mentre la stragrande maggioranza dei collezionisti acquisisce veicoli acquistando esempi preesistenti, Hetfield ha scelto invece di costruire il suo da zero, incanalando la creatività spesso riservata alla sua musica nella produzione di sculture rotolanti. Di seguito è possibile vedere un video tour di 27 minuti appena rilasciato della collezione di Hetfield. 


Back on the road


Hetfield ha fatto la sua prima apparizione in pubblico da quando è entrato in riabilitazione il 30 gennaio quando è stata aperta una mostra con 10 delle sue classiche auto personalizzate presso il Petersen Automotive Museum. Hetfield ha preso parte a una discussione e ha contribuito a mettere all'asta due delle sue chitarre ESP all'evento. Ha detto che era orgoglioso di avere le sue opere esposte al museo. "Non c'è altro posto come questo", ha detto James. "Il Petersen è l'apice. È il posto migliore per mostrare i tuoi veicoli. Non mi servivano a molto, fermi nel mio garage. Mi è piaciuto molto guardarli qui. La parte migliore è che sono tutti insieme. Non volevo metterli all'asta e [farli] andare in tutto il mondo. È una collezione. Segna la mia vita".

Hetfield è stato in gran parte fuori dalle scene dallo scorso autunno quando la band ha annullato il tour australiano e ha annunciato che Hetfield stava tornando in riabilitazione per combattere le sue dipendenze. Il cantante / chitarrista ha ricevuto le cure per la prima volta nel 2002, un processo che è stato raccontato nel documentario del 2004 "Metallica: Some Kind Of Monster".


La collezione

Tra le auto esposte nella mostra "Reclaimed Rust: The James Hetfield Collection" vi sono una Voodoo Priest, basata su una Lincoln Zephyr del '37, una roadster Auburn del '36 chiamata Slow Burn, una Packard ispirata al Delahaye '34, una Ford del '36 in metallo chiamato Iron Fist, un camioncino Ford F-100 viola del '56 e infine Skyscraper, un Buick Skylark del 1953.

Come precedentemente riportato, un libro sulle auto di Hetfield, "Reclaimed Rust: The Four-Wheeled Creations Of James Hetfield", uscirà il 28 luglio tramite Insight Editions. Nel libro, Hetfield apre il suo garage per un tour esclusivo dei punti salienti della sua incredibile collezione di auto classiche restaurate e personalizzate. 



Motori o musica, l'importante è creare


Alcuni anni fa, Hetfield ha affermato di avvicinarsi alla costruzione delle hot rod nello stesso modo in cui si avvicina alla scrittura di musica. "Costruire automobili è sempre una via di fuga", ha spiegato. "È lo stesso con la musica. Non so che cosa farò. Le macchine sono come persone per me; a loro piace l'amore. Amano essere toccate, amano essere gestite, amano essere guidate. Adorano essere ammirate. Questa è una forma di espressione e libertà, e puoi farla uscire guidando qualcosa del genere, facendo comunque uscire la tua personalità. È come guardare l'arte. Magari guardi un'opera e dici "Non capisco". Poi guardi qualcos'altro e dici: "È fantastico. Vorrei averci pensato."

James Hetfield, guarda la sua collezione di automobili